Scopri perchè scegliere Pinalli
  • Spedizione gratuita da 25 Euro
    e consegna entro 48 ore
  • Campioni gratuiti per ogni ordine
  • I prezzi migliori
    su oltre 10.000 prodotti
  • Reso facile
    fino a 2 mesi dall'acquisto
EA_20160728095714.jpg
Beauty Stories

Mrs. Elizabeth Arden, prima in tutto!

47.jpg
 
Continua la rassegna che vede protagoniste le grandi donne della bellezza; è la volta di Elizabeth Arden, “Mrs. Red Door”, imprenditrice carismatica e lungimirante. La prima, vera portavoce del concetto di bellezza globale.
 
 
 
L'INIZIO DI UN SOGNO
 
Woodbridge, Ontario, Canada: nasce in questo piccolo paese di provincia, nel 1878, Florence Nightingale Graham, colei che la rivista Fortune definirà nel 1938 “la donna d’affari più ricca della storia degli Stati Uniti” e cui Time dedicherà la copertina nel 1947.
Di padre scozzese e madre inglese, Florence è la terza di cinque figli; rimasta orfana di madre a soli sei anni, deve badare alle sorelle più piccole ed inizia a lavorare ancora ragazzina, accompagnando il padre al mercato di Toronto per vendere i prodotti coltivati nel piccolo orto.
Dopo aver tentato la professione infermieristica all’età di trent’anni decide di abbandonare il paese natio e si trasferisce a New York, USA: è la svolta, la grande occasione che la giovane Florence attende da sempre.
Giunta nella Grande Mela, la futura Mrs.Arden trova lavoro come contabile presso la casa farmaceutica E.R. Squibb Company e muove i primi passi nel dorato (ed all’epoca ancora indefinito ed estremamente “artigianale”) mondo della cosmetica; acquisita l’esperienza necessaria per tentare una nuova strada, lascia dopo poco l’ambiente aziendale alla volta della inesplorata realtà dei saloni di bellezza. Sarà Eleanor Adair, elegante padrona di casa di un piccolo ma rinomato centro estetico, ad accoglierla. Florence è alla cassa; nei ritagli di tempo la determinata ragazza canadese si diverte però ad applicare unguenti e maschere alle clienti del salone e conquista ben presto i favori delle signore dell’alta aristocrazia di Manhattan, disposte ad attendere ore pur di sottoporsi ad un suo massaggio.
Nel 1909, a distanza di un solo anno dal suo arrivo negli Stati Uniti, Florence compie un ulteriore passo in avanti: entra in società con Elizabeth Hubband, un’altra Lady del Beauty, ed insieme le due signore aprono un salone di bellezza sulla prestigiosa Fifth Avenue di New York. Mrs. Hubband, dopo qualche tempo, abbandona l’impresa; rimasta sola a gestire salone, clienti, fornitori e spese, Florence non perde ottimismo ed inventiva: chiede un prestito ad un fratello, ristruttura i locali del centro benessere e diventa per tutti Mrs. Elizabeth Arden. È l’inizio di una nuova vita: il Red Door Salon di Mrs.Arden si afferma come primo salone in cui si assicura alle clienti wellness totale attraverso massaggi e trattamenti per mani, viso, piedi e corpo.
 
 
 
UNA DONNA PIONIERA
 
Elegante, attenta ed anticonformista, Elizabeth Arden introduce nel cosmo della bellezza alcune novità ed importanti cambiamenti che evidenziano la portata rivoluzionaria del suo pensiero: dopo un viaggio ispiratore a Parigi è la prima a produrre negli States una linea trucco per occhi; quando ancora le creme sono corpose e di difficile assorbimento, è lei a creare un’emulsione light piacevole e vaporosa, la Venetian Amoretta Cream, seguita da una lozione per il corpo di successo planetario, l’Elizabeth Arden Ardena SkinTonic.
Già negli anni Venti i Red Door Salon sono capillarmente diffusi nelle più grandi città degli Stati Uniti, e raggiungono in breve anche il Vecchio Continente; la Elizabeth Arden Company si pone in testa alle vendita dei cosmetici del Paese e il marchio è diffuso a livello internazionale grazie al numero ed alla varietà dei prodotti (108 referenze per il make up, 519 diversi formati per diversi profumi).
In piena Depressione, la compagnia impiega più di 1000 persone e incassa 4 milioni di dollari l’anno: la cura della bellezza paga e appaga; nei saloni si sperimentano trattamenti di grido (tra tutti, il bagno di paraffina per disintossicare il corpo ed aiutare a perdere peso) ed innumerevoli iniziative mai viste prima (corsi di ginnastica, postura, yoga, danza, scherma).
Le donne d’America paiono non poter più fare a meno del make up colorato e brillante di Arden; la dinamica signora, ovviamente, non dorme sugli allori e promuove campagne pubblicitarie sempre più massicce acquistando addirittura uno spazio settimanale sull’emittente NBC e proiettando nelle sale cinematografiche i suoi filmati promozionali.
Ancora, altre due idee geniali segnano il passo: nasce Salon In A Box, un cofanetto contenente prodotti per la pelle ed un 33 giri che spiega come applicarli, ed apre la prima Red Door Spa, la Maine Chance, cui seguiranno tanti altri centri deputati alla cura di corpo, mente e spirito.
Dotata della invidiabile capacità di vedere “oltre”, Elizabeth Arden è la prima imprenditrice a commissionare, negli anni Trenta, un filmato realizzato sulle spiagge della California in cui si illustrano alcuni esercizi ginnici da ripetere a casa; è la prima a scegliere un settore prettamente maschile, quello automobilistico, per promuovere i propri prodotti (nel 1959, all’uscita della Chrysler Imperial, ogni auto nuova di zecca ha un optional: un elegante beauty-case colmo di trucchi Elizabeth Arden).
È la prima donna, infine, a conquistare nel 1947 con la sua scuderia il Kentucky Derby, il trofeo di equitazione più ambito in America: anche la passione per i cavalli, infatti, è occasione per conseguire visibilità e prestigio in una società ancora fortemente maschilista e refrattaria ai cambiamenti.
Grazie anche a questo ulteriore successo la fama di Elizabeth Arden conquista una vastissima eco: nel 1950 la “ragazza del Canada” è proprietaria di almeno 30 saloni sparsi per l’America e l’Europa, ed oltre 300 prodotti di bellezza sono commercializzati in tutto il mondo con il suo marchio; le campagne pubblicitarie si moltiplicano così come le clienti, altre “Porte Rosse” aprono i battenti, nuove formule di bellezza riempiono vasetti e trousse. E Mrs. Arden è sempre lì: dal suo appartamento sulla Fifth Avenue, anche ottantenne, approva pubblicità e prodotti; non andrà mai in pensione, e chiude gli occhi per sempre nell’ottobre del 1966 in seguito ad un attacco di cuore.
 

NON TUTTI SANNO CHE...
 
Il nome Elizabeth Arden è nato dall'unione di ELIZABETH (Elizabeth Hubband era la socia in affari di Florence nel 1909), ed ARDEN dal poema Enoch Arden di Alfred Tennyson.

Elizabeth Arden, durante la seconda guerra mondiale, sviluppò un rossetto coordinato ai colori delle uniformi femminili nelle forze armate.

Il concetto di "total look", in cui il colore di labbra guance e unghie sono coordinati fra loro, nasce da un'idea di Elizabeth Arden.

La leggenda narra che il mitico balsamo color albicocca Eight Hour Cream apportava così tanti benefici ai suoi clienti, che Miss Arden lo utilizzò per curare le escoriazioni alle zampe dei suoi famosi cavalli purosangue. Anche il suo nome deriva da una notevole performance - un cliente fedele lo usò per curare il ginocchio sbucciato del suo bambino e otto ore dopo" la pelle apparve completamente riparata."

 
 
 
Scopri tutti i trattamenti
Elizabeth Arden!